Contact Details

PARISH PRIEST:
Fr Joshy Parappuli
96 Catherine St, Leichhardt
NSW 2040, Australia.
Phone: (02) 9518 0650

SECRETARY:
Edward C Gorga
Hours: Monday - Friday
(9.00 am - 12.30 pm)
= Saturday & Sunday Closed =

EMAIL:
fiacre@capuchinfriars.org.au

WEBSITE:
leichhardtchurch-stfiacres.blogspot.com.au
Powered by Blogger.

Recent News

Subscribe to me on YouTube


After teaching his disciples on the necessity of praying with persistence (vs 1-8), Jesus told another parable on prayer, which was unique to Luke.  

In the story, two individuals went to the Temple to pray. The first was a Pharisee, so named "the separated ones" as they strictly avoided anything that might contaminate their adherence to the minute details of the law. This Pharisee also separated himself from others by his self-righteous attitude. He smugly depended on his virtues and did not ask pardon from God for his sins.

The other man in the story was a publican, a tax-collector. Tax-collectors were held in contempt because they collaborated with the Roman government and often over-charged their own people. Although this man had nothing to commend him, he humbly prayed for God's forgiveness of his wrongdoings. Jesus declared that this man was justified because of his honest admission of his sinfulness and need of salvation.

REFLECTING: Does my pride get in the way of serving God and others?

PRAYING: Pray the ancient Jesus Prayer: Lord Jesus, Son of God, have mercy on me, a sinner.


Masses and Intentions
of The Week


Monday to Saturday 7.00am:
Daily Mass

Saturday 4.45 to 5.15pm:
Confessions

Saturday 5.30pm:
(Vigil Mass)

Sunday 8.00am:
(Mass at Lilyfield ) 

Sunday 9.30am in Leichhardt:
English Holy Mass

Sunday 11.00am in Leichhardt:
Italian Holy Mass

 

New Baptism


Saint Fiacre’s Parish Leichhardt welcomes Hudson Lee Jessup who was baptised on Saturday 19th October 2013; and also Emily & Cody Crisafulli who were baptised on Sunday 20th October 2013.

November Intentions


Every Mass during the month of November will be offered to Our Lord for all our deceased Loved Ones.


Our Lady of the Rosary


The Feast of Our Lady of the Rosary, Sunday 27th October - 2.00pm at St Fiacre’s. Solemn Mass followed by Procession in the Church grounds & Benediction of the Blessed Sacrament. Shared supper in the Parish Hall afterward.

St Fiacre's Artbeat


Celebration in Saint Fiacre’s Parish Hall. Friday 1st November at 7.00pm. Artbeat is an evening for grown-ups bringing together the community of St Fiacre's Primary School, local businesses and the wider Inner West community. It will showcase local artists, handmade or locally designed crafts, artwork by the classes of St Fiacre's, food, wine and music. Everyone is invited! A St Fiacre’s P&F initiative. For more info, please visit our website (click here):

Renewal in the Holy Spirit


Celebration of the Holy Mass, followed by the Adoration of the Most Blessed Sacrament. St Fiacre’s - Friday 1st November - 10.00am.

Dio Rende Giusto Chi Lo Cerca Con Fede

Gli uomini partecipano tutti della stessa impotenza e sono solidali nello stesso stato di rottura con Dio: non possono salvarsi da se stessi, non possono cioè entrare da soli nell’ amicizia di Dio. Il primo atto di verità che l’uomo deve compiere è riconoscersi peccatore, impotente a salvarsi, e aprirsi quindi all’azione di Dio. (Lc 18,8).  


Il fariseo e il pubblicano: due modi di dialogare con Dio
Nella parabola ci sono due modi di concepire l’uomo e il suo rapporto con Dio. La preghiera del fariseo è un rendimento di grazie a Dio. Solo apparente però. In realtà è un pretesto per lodare se stesso e non Dio, compiacersi di sé per la mancanza di ogni peccato e per il merito delle buone opere, in forza delle quali si ritiene giustificato ed «esige» da Dio la ricompensa.

La preghiera del fariseo non è preghiera, anzi è l’opposto. Il pubblicano invece è «nella verità»: è consapevole della sua colpa e di non avere meriti davanti a Dio. Chiede grazia. La sua è vera preghiera. Perciò dietro i due personaggi della parabola si può scorgere l’opposizione tra due tipi di giustizia: quella dell’uomo che ritiene di poterla realizzare col compimento perfetto della legge e quella che Dio concede al peccatore che si riconosce tale e che si converte. Il tema paolino della giustificazione mediante la fede si trova già delineato in questa parabola.

Perché la fede in Cristo «giustifica» l’uomo
Il cristiano è un uomo realmente giustificato mediante la fede in Gesù Cristo, in colui che è ad un tempo il dono sostanziale dei Padre e quell’uomo fra gli uomini che ha potuto costruire l’unica risposta umana gradita a Dio. E’ questo il motivo per cui la fede in Gesù salva. Infatti Gesù inaugura nella sua persona il regno del Padre in cui si compie il destino dell’uomo. Per sé, come per i suoi fratelli, Gesù esige la rinuncia assoluta che implica la fedeltà alla condizione di creatura: la rinuncia è sino alla morte e, se necessario, sino alla morte in croce. E’ il salvatore del mondo che parla così. Come può quest’uomo che ha spinto sino alle ultime conseguenze la rivelazione della condizione umana proclamarsi nello stesso tempo il salvatore dell’umanità? A questa domanda non c’è che una risposta: veramente quest’uomo è il Figlio di Dio; Dio ha tanto amato il mondo da dare per esso il suo Figlio unico; e nello stesso tempo egli è uomo tra gli uomini; la sua fedeltà di creatura è, per identità, una fedeltà filiale. La risposta attiva di questo uomo raggiunge perfettamente l’iniziativa divina.

La fede sorgente di una vita nuova di figlio
L’unione a Cristo ci rende capaci della stessa «fedeltà filiale» fino alla croce. L’uomo è «giustificato» perché la fede in Cristo gli dà accesso al Padre in qualità di figlio adottivo. La salvezza è dono divino, diventa nell’uomo sorgente di una attività filiale in cui si compie oltre ogni misura la fedeltà alla nuova legge dell’amore. Paolo, l’araldo della giustificazione mediante la fede, è anche il grande testimone della vita nuova che sboccia dalla fede in Cristo. Ormai vecchio, in carcere, in attesa della condanna a morte, riflette sulla sua vita (seconda lettura). La sua esperienza di Cristo si conclude con un fallimento umano: tutti lo hanno abbandonato, nessuno in giudizio lo ha difeso. Ma egli ha «conservato la fede», ha gareggiato per Cristo ed è rimasto fedele fino alla mèta. La sua speranza lo conduce alla certezza della «ricompensa» che riceverà da Cristo per la sua vita di dedizione e di amore sull’esempio di Gesù.

Oggi la sufficienza farisaica non è più l’osservanza di una legge, ma prende altri nomi. In molti c’è la convinzione che l’uomo possa salvarsi come uomo facendo appello unicamente alle sue risorse. L’uomo salva l’uomo mediante la scienza, la politica, l’arte. E’ perciò più che mai necessario che i cristiani annuncino al mondo Cristo come salvatore. La salvezza che egli porta non è antagonista della salvezza umana. Anzi la conduce a pienezza. Con la celebrazione dei sacramenti, specie della Eucaristia, essi testimoniano la necessità dell’intervento divino sulla vita dell’uomo, si mettono sotto l’azione di Dio presente con il suo spirito, e fanno l’esperienza privilegiata della giustificazione ottenuta mediante la fede in Gesù Cristo. Devono perciò essere continuamente vigilanti per non partecipare ai sacramenti con spirito farisaico.

(Source: http://www.maranatha.it/Festiv2/ordinC/C30page.htm)

Il Terz' Ordine Francescano Secolare


Domenica 3 Novembre, ore 3.00 pm. Casa d’Italia, Norton Street 67, Leichhardt.

Gruppo Del
Santo Rosario


Mercoledì 6 Novembre, ore 10.00 am. Famiglia Torresan 56 Henry Street, Leichhardt.

Rinnovamento Nello
Spirito Santo


Celebrazione della Santa Messa e Adorazione del Santissimo Sacramento, San Fiacre - Venerdì 1 Novembre, 10.00 am.

Gruppo Di Preghiera
Di Padre Pio


Mercoledì 6 Novembre, ore 7.00 pm, Chiesa di San Fiacre.

Movimento Mariano
Per I Sacerdoti


Tutti i Lunedì, ore 8.30 pm - Fam. Prestipino Norton Street n. 267, Leichhardt.


TUTTI BENVENUTI! EVERYONE’S WELCOME!